In questo articolo scoprirete:
 

  1. Tipi di domanda
  2. Perché la determinazione della domanda è così importante
  3. Come determinare correttamente la domanda

Quali tipi di domanda ci sono?
 

All'inizio di ogni processo di ordinazione c'è la determinazione della domanda. Fondamentalmente, l'ufficio acquisti decide tra tre tipi di domanda.  La domanda primaria comprende tutti i prodotti finiti, i pezzi di ricambio e gli assemblaggi finiti. La  domanda secondaria è costituita da tutti i componenti e gli assemblaggi che sono necessari per la fabbricazione di questi prodotti finali. Non importa se queste parti sono prodotte in casa o devono essere acquistate. La domanda terziaria si riferisce a tutti i materiali ausiliari e operativi, nonché ai materiali ausiliari che sono necessari per la produzione di componenti o assemblaggi. Questo include anche l'energia, per esempio.

State cercando nuovi fornitori?  Sulla nostra piattaforma B2B europages potete trovare fornitori competenti di diversi settori.
 

Perché la valutazione della domanda è così importante? 
 

Immaginiamo che un'azienda identifichi una domanda troppo bassa. Questo potrebbe portare a un'interruzione della produzione, a problemi di consegna o a penalità contrattuali. E naturalmente anche l'immagine dell'azienda può risentirne.

Se, d'altra parte, un'azienda identifica una domanda troppo elevata, questo porterà a livelli di stock eccessivi. Nel caso di merci deperibili, tale pianificazione errata può significare una perdita completa della merce.
 

Come viene determinata la domanda corretta
 

Oltre alla stima (euristica) della domanda, le aziende si affidano principalmente a due procedure per determinare la loro domanda: determinazione della domanda orientata al programma (deterministica) e determinazione della domanda orientata al consumo (stocastica). L'applicazione della procedura dipende in gran parte dal tipo di prodotti o parti da acquistare (parti A, B o C) e dalle informazioni che un'azienda ha su di loro.

Determinazione della domanda orientata al programma

Gli ordini di vendita fissi o la domanda primaria servono come base per la determinazione della domanda orientata al programma. Se un'azienda sa quanto è alta la sua domanda primaria, è facile per lei determinare il numero di singole parti o materie prime che sono necessarie per produrre queste parti. Una volta che l'azienda ha determinato la sua domanda secondaria, può, se necessario, derivare da questa la sua domanda terziaria. Tuttavia, questo è necessario solo per le merci che devono essere acquistate. L'energia, per esempio, è comunque disponibile nella maggior parte delle aziende come requisito terziario. Una volta che l'azienda ha determinato la domanda completa, deve solo chiudere la differenza tra la merce richiesta e lo stock.

La determinazione della domanda orientata al programma è uno standard consolidato in molte aziende ed è particolarmente importante nella produzione in appalto, poiché aiuta a determinare l'esatta domanda secondaria e quindi a minimizzare gli overhang e le strozzature.

Determinazione della domanda orientata al consumo

In contrasto con la determinazione della domanda orientata al programma, la determinazione della domanda orientata al consumo si basa sui valori di consumo dei periodi passati.  La determinazione della domanda orientata al consumo si basa sul presupposto che la domanda futura si svilupperà analogamente ai valori passati. Con l'aiuto di metodi statistici, le serie temporali sono impostate e analizzate per le loro componenti influenti. I metodi statistici frequentemente utilizzati sono, per esempio, le medie aritmetiche e mobili, le analisi di regressione lineare e non lineare o lo smorzamento esponenziale del 1° e 2°  ordine.

La determinazione della domanda orientata al consumo è particolarmente adatta alla determinazione della domanda terziaria. Questo significa, per esempio, materiali ausiliari e operativi o strumenti di usura che giocano solo un ruolo subordinato in termini di quantità e valore. La determinazione della domanda orientata al consumo è anche il metodo migliore se lo sforzo della determinazione della domanda orientata al programma non è proporzionale al beneficio. Per esempio, quando i prodotti sono fabbricati solo in quantità molto piccole.